“La ragione per cui abbiamo due orecchie e una sola bocca è perché dobbiamo ascoltare il doppio e parlare la metà!” (Zenone di Cizio, III Sec. A.C.)

AUTO-PRESENTAZIONE
Poiché ognuno di noi ha bisogno di sapere se si trova in buone mani, vi fornirò qui di seguito le mie credenziali; se poi desidererete maggiori dettagli sulla mia formazione ed esperienza professionale, consideratevi liberi di chiederli.
 
ESPERIENZE LAVORATIVE
Mi occupo di psicologia, psicoterapia, counseling, coaching e formazione.
Lavoro come psicologa libera professionista a Carsoli (AQ), occupandomi di interventi di counseling psicologico e di psicoterapia rivolti agli individui, alle coppie, ai gruppi e di sostegno alla genitorialità.
Lavoro in ambito scolastico attraverso la progettazione e valutazione degli interventi di assistenza specialistica per l’integrazione degli alunni disabili (adolescenti) presso le scuole secondarie di secondo grado a Roma.
Conduco attività di ricerca e di sostegno psicologico con immigrati rifugiati e richiedenti asilo nell’ambito del progetti SPRAR (Sistema di Protezione per Richiedenti asilo e Rifugiati).
Sono responsabile e promotrice di diversi progetti di alfabetizzazione emotiva rivolti ai bambini all’interno di centri per l’infanzia in Abruzzo.
Conduco seminari e workshop sulle tematiche del benessere psicofisico in Abruzzo e nel Lazio.
Sono Co-autrice di varie pubblicazioni scientifiche sul tema del burnout e sul disagio di coppia.
 
ISTRUZIONE E FORMAZIONE
Ho conseguito la laurea triennale in Scienze psicologiche Applicate (indirizzo: psicobiologia del comportamento) il 05/10/2009 presso l’Università degli Studi dell’Aquila con una tesi sull’elaborazione del lutto e sulla diffusione della psico-oncologia in Italia con voto: 110/110; successivamente ho conseguito la laurea magistrale in  Psicologia Applicata, Clinica e della Salute  (indirizzo: psicologia  clinica e dinamica) presso l’Università degli Studi dell’Aquila il 04/10/2011 con voto 110/110 e lode, con una tesi sulla psico-oncologia dell’età evolutiva e sulla clownterapia. Ho frequentato il Master in Gestalt Counseling-Agevolatore nella relazione di aiuto-Tecnico socio-assistenziale individuale e di gruppo presso l’ASPIC-Scuola Superiore Europea di Counseling, sede territoriale di L’Aquila dal 2006 al 2009 conseguendo il diploma del Master con una tesi sulle applicazioni del counseling in situazioni di emergenza. Con l’ASPIC di L’Aquila, dopo il sisma del 6 Aprile 2009, ho collaborato nel centro di ascolto di Arischia.
Ho frequentato dal 2012 al 2015 un corso di Dottorato di Ricerca in Epidemiologia, prevenzione e riabilitazione delle patologie-cronico degenerative presso l’Università degli Studi dell’Aquila che mi ha permesso di sviluppare le attitudini di base per condurre ricerca scientifica nell’ambito delle patologie stress lavoro correlate (burnout).
Ho conseguito nel 2018 il Master Breve Intensivo per la Consulenza di Coppia (tot.50 ore) organizzato dalla Scuola di Specializzazione in Psicoterapia Clinica di Comunità e Psicoterapia Umanistica Integrata ASPIC di Roma.        
Mi sono Specializzata nel modello Pluralistico Integrato dell’A.S.P.I.C. frequentando uno specifico training di formazione/specializzazione post-lauream in Psicoterapia dal 2015 al 2018 per un totale di 2000 ore, così ripartite: 180 h. di Insegnamento teorico e addestramento esperienziale Specifico; 140 h. di Training di Psicoterapia individuale, in gruppo e Supervisioni; 180 h di Tirocinio Clinico e di ricerca. Il titolo della Tesi di Specializzazione in Psicoterapia è il seguente: “Caso clinico Coppia - Dallo stato di insoddisfazione e di malessere nella coppia alla riparazione dei modelli comunicativi e relazionali disfunzionali attraverso l’applicazione degli approcci terapeutici integrati”.
Sono iscritta all’albo dell’Ordine professionale degli Psicologi della regione Abruzzo dall’11 Febbraio 2014, Sezione A con matricola 2318, sono abilitata all'esercizio della professione di psicoterapeuta dal 16-12-2018.
Ho condotto esperienze di tirocinio universitario e post-lauream negli ambiti più disparati: dalla psicologia scolastica e dell’orientamento al training autogeno,  dai corsi per la preparazione al parto al sostegno psicologico rivolto ai pazienti oncologici, dallo studio e scoring  dei principali test psicodiagnostici di personalità rivolti ad adulti e adolescenti alle attività di osservazione delle dinamiche comunicative e relazionali condotte negli spazi gruppali presso la Comunità “Terapeutico-Riabilitativa” Passaggi (Oricola) per pazienti psichiatrici.
 
TRAINING PERSONALE
Ho svolto su me stessa un training di psicoterapia individuale e in gruppo basato sulla metodologia dell’approccio Umanistico Integrato (come di cui sopra).
 
COME SVOLGO IL MIO LAVORO
Accolgo la persona, bambino, coppia, famiglia per una prima fase di valutazione del disagio portato e dopo un’attenta analisi della problematica espressa propongo un percorso personalizzato per il raggiungimento degli obiettivi prefissati. Il percorso di sostegno psicologico e/o psicopedagogico e/o psicoterapeutico è intervallato da momenti di verifica del suo andamento (soddisfazione degli obiettivi raggiunti a breve, medio, lungo termine). Il mio intervento ha come obiettivo principale quello di ad aiutare gli altri ad “aiutarsi da soli”, migliorando la capacità di ascolto delle proprie emozioni e dei bisogni più profondi, potenziando autostima, assertività e auto-efficacia, rafforzando le strategie di fronteggiamento dello stress (Coping), incrementando la conoscenza e la consapevolezza rispetto al proprio funzionamento intra-interpersonale e la qualità della vita.
 
IL MIO APPROCCIO
Il mio approccio teorico-metodologico è essenzialmente Umanistico-Esistenziale e si basa su una formazione Pluralistica Integrata che mi consente di utilizzare diverse prospettive di osservazione prima e di intervento poi con la persona che arriva con le sue difficoltà .
Il termine “Umanistico” sta a significare che al centro del mio intervento c’è la Relazione, ovvero l’incontro con un’altra persona, costantemente caratterizzata da un ascolto profondo e autentico, scevro da interpretazioni, critiche, giudizi o consigli e basato su un’accettazione incondizionata dell’altro in quanto persona degna di rispetto per la sua unicità, sulla congruenza e sulla fiducia nelle capacità di auto-realizzazione dell’altro. Da diversi anni, infatti, la ricerca scientifica sull’efficacia e sull’efficienza degli interventi di aiuto (psicologici e psicoterapeutici) ha evidenziato che è la relazione che si instaura tra paziente/cliente e professionista che effettivamente cura. Ricercatori e clinici di orientamenti teorici diversi hanno contribuito ad evidenziare gli elementi generali che funzionano per il miglioramento degli esiti nei trattamenti psicologici/psicoterapeutici, e tra questi vi è la relazione. (Norcross, 2012). Questo vuol dire che se la relazione tra professionista e paziente/cliente è calda, si basa sull’ascolto empatico, sull’accoglienza e sulla collaborazione reciproca crea quel clima di fiducia che stimola “chi si trova in uno stato di disagio” a stare meglio e a trovare da solo la soluzione ai suoi problemi. 
Il termine “Integrato” vuol dire che utilizzo differenti tecniche derivanti da approcci diversi.
In particolar modo utilizzo le tecniche della psicoterapia della Gestalt, della psicoterapia Centrata sulla Persona, dell’Analisi Transazionale, della psicoterapia Cognitivo-Comportamentale, del Costruttivismo e della psicoterapia Corporea. L’utilizzo di differenti tecniche deriva da una integrazione scientifica e serve ad aiutare nel modo più appropriato coloro che vengono a chiedermi aiuto in base alle proprie esigenze, bisogni e problemi. Questo perché ciascuno di noi è unico e differente da qualsiasi altra persona.
L’integrazione pluralistica è alla base del modello nell’ambito del quale mi sono specializzata e si chiama nello specifico “Modello Esperienziale Pluralistico Integrato e Gestaltico”. Esso è fondato sul collegamento continuo tra le prove di evidenza della ricerca scientifica (evidence-based) e quelle della pratica sul campo (practice-based), ed è l’elemento che contraddistingue l’identità scientifica e di ricerca dell’A.S.P.I.C. (Associazione per lo Sviluppo Psicologico dell’individuo e della Comunità).
 
CHE COS’È L’A.S.P.I.C.
L’Istituto per la formazione di psicoterapeuti - A.S.P.I.C., è stato costituito dall’Associazione per lo Sviluppo Psicologico dell’Individuo e della Comunità con lo scopo di gestire la Scuola di Specializzazione quadriennale in Psicologia Clinica di Comunità e Psicoterapia Umanistica Integrata ad orientamento Fenomenologico-Esistenziale; tale istituto è stato Riconosciuto dal MIUR, Ministero dell’Istruzione e della Ricerca ad istruire e ad attivare Corsi di Specializzazione in Psicoterapia-Art. 3 Legge 56/89-Decreto Ministeriale del 9-05-1994, Gazzetta Ufficiale N°117-del 21-05-1994-Conferma dell’adeguamento previsto: Decreto 25-05-2001-G.U. del 12-07-2001. L’A.S.P.I.C. è stata fondata nel 1988 da Edoardo Giusti e Claudia Montanari, i quali hanno dato il via a quello che oggi può essere considerato uno dei centri di maggior interesse per l’integrazione e la crescita psicologica in Italia. L'Associazione è prosecutrice istituzionale di tutte le attività formative, di ricerca, di consulenza psicologica e psicoterapeutica iniziate nel 1975 dallo Studio di Consulenza e Analisi Psicologica e sviluppate successivamente nel 1984 dal Gestalt Counseling Training Center. Oggi svolge attività di formazione, di ricerca, di consulenza e di supervisione della qualità totale formativa di tutti i corsi, delle proposte socio-culturali e dei servizi svolti con il marchio A.S.P.I.C. sul territorio nazionale. L’A.S.P.I.C. ha ricevuto nel 2004 una dovuta citazione all’interno del più importante testo mondiale sulle meta-analisi delle Ricerche in Psicoterapia aggiornato e pubblicato ogni 10 anni come centro di maggiore eccellenza presente in Italia nell’ambito degli approcci integrati (Riferimento: www.aspic.it /Bergin  and Garfield’s  Handbook of Psychoterapy and Behavior Change, Fifth Edition-Michael J. Lambert, Bringham  Young University, Chapter 18/p. 806, Overview, Trends, and Future Issues).
  
PRINCIPALI ATTIVITA’ PROFESSIONALI ED INTERESSI PERSONALI
Credo nell'aggiornamento continuo e ho un forte interesse per la ricerca scientifica, pubblicando i miei lavori in prestigiose riviste nazionali e internazionali. Continuo ad aggiornare le mie conoscenze attraverso la partecipazione attiva a convegni, conferenze e giornate studio e sono impegnata nell’attività promozionale in Abruzzo, conducendo in prima persona seminari e workshop tra L’Aquila, Avezzano e Carsoli sulle tematiche del benessere psicofisico.
Tra i miei interessi ci sono: lo studio e la diffusione della psico-oncologia, delle patologie stress-lavoro correlato, della clown-terapia, della psicologia dell’arte, dell’educazione, dell’orientamento e del marketing; ad oggi sto maturando altri interessi e competenze nell’ambito della psicologia dell’emergenza, dell’immigrazione e della psicologia di coppia.
Amo ascoltare musica di qualsiasi genere e leggere i classici della letteratura, dai quali ho avuto modo di imparare a riflettere sulle caratteristiche psicologiche dei personaggi; tra i miei autori preferiti, ci sono: Herman Hesse, Italo Calvino, Oscar Wilde, Fedor Dostoevskij, Gustave Flaubert.

 SONO AFFILIATA ALLE SEGUENTI ASSOCIAZIONI

  • Membro del gruppo “Incontri di psicoterapia”, community di psicologi e psicoterapeuti che scrivono articoli divulgativi sulla psicologia (incontridipsicoterapia.it/).
  • Membro del Direttivo A.S.P.I.C. PSICOLOGIA sede territoriale di L’Aquila, Via Alcide De Gasperi, n. 45;
  • Socia “Il mondo in una stanza 2” Di Farnaz Mirzapoor (Carsoli-AQ)
 Amo il mio lavoro e lo svolgo con passione nel massimo rispetto dell’unicità della persona con la quale entro in relazione; è proprio attraverso questa RELAZIONE che si creano le basi per una evoluzione e una crescita importante sia a livello personale e professionale. Il mio stile è accogliente, interattivo e pratico. L’obiettivo centrale è che “chi mi chiede aiuto” possa portare dei miglioramenti nella sua vita il più velocemente possibile, il mio ruolo in tutto questo è quello di “aiutare l’altro ad aiutarsi” scoprendo e riscoprendo le sue emozioni e i suoi bisogni, potenziando ed utilizzando al massimo grado tutte le sue risorse al fine di agevolarlo nella sua auto-realizzazione personale.